La chiesetta sul cucuzzolo e il mariachi

El Hierro, Iglesia de Nuestra Señora de La Candelaria

L’autostop natalizio per la messa di mezzanotte ha esito fallimentare. Il locale venezuelano dove contavamo di trovare passaggi è chiuso, così ripieghiamo sull’unico posto aperto, il ristorante Don Din 2 (del numero 1, nessuna traccia), che tenta di metterci alle porte causa cena familiare in corso ma poi si impietosisce e ci offre i suoi sgabelli per fare il nostro brindisi a suon di ron miel.
L’unico altro avventore seduto al bancone parla italiano, imparato durante un soggiorno di un anno a Como, e chiacchierando scopriamo che è niente po’ po’ di meno che il figlio del proprietario… dell’hotel più piccolo del mondo! Che sta qui vicino, a Punta Grande!
Torniamo a casa felici di avere un cimelio da Guinness dei Primati proprio dietro l’angolo e il mattino dopo ritentiamo l’ascesa alla Iglesia de Nuestra Señora de La Candelaria, questa volta a piedi.
Malgrado il vento fortissimo continui a sospingerci a valle arriviamo davanti ai battenti con largo anticipo. Dentro ci attendono un omone con l’abito talare, una coppia di pensionati venuti a El Hierro per svernare, una manciata di canari che si prodigano in abbracci e un signore armato di chitarra che arpeggia come un mariachi allegre versioni spagnoleggianti delle canzoni da chiesa della mia infanzia.
Dopo avere assistito a uno strano baciapiede dei fedeli del Bambin Gesù strappato al presepe, torniamo a valle con i nuovi amici acquisiti e ci fermiamo da Don Din 2 per un pranzo natalizio a base di pescado a la plancha, ensalada mista e un dolce che racchiude una quantità di queso sufficiente per l’intero 2016.


Warning: file_get_contents(https://graph.facebook.com/v2.5/?ids=http%3A%2F%2Fnomadi.us%2Fpillole%2Fla-chiesetta-sul-cucuzzolo-e-il-mariachi%2F&access_token=688861394595971|d59ea9081ca1d3bc8e498d4142846083): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /home/thanx669/public_html/nomadi.us/wp-content/themes/nomadi/functions-social-buttons.php on line 8
Condividi! questo articolo

L’ultima volta che sono andato a messa doveva essere in epoca pre-smartphone: non trovo familiare controllare di nascosto facebook mentre aspetto che si dia inizio alla cerimonia (ok, non ne vado fiero).
Lo spagnolo – e il Canario – rende la cerimonia un po’ più bella anche se non capisco proprio tutto tutto.
Anche quel pretone poderoso che dirige le danze: apprezzo molto il suo pacifico sorriso, apprezzo molto il suo buon cuore. Ricordo i preti della mia gioventù – non me ne vogliano – come molto più… sofferenti!
Alla fine trovo molto gradevole questa messa, anche grazie a quel duo chitarrina e voce, che canta canzoni che a me a dire il vero ricordano un po’ le canzoni rivoluzionarie latino-americane.

Chissà se a un livello quantico – e anche considerando le sottili connessioni e i flussi migratori tra le Canarie e l’America Latina (Cuba, Venezuela… da approfondire!) – non ci sia differenza alcuna tra un Feliz Navidad e un Hasta Siempre Comandante.

 

Condividi! questo articolo
-